TERRAMARE

Gestione integrata e solidale delle aree protette costiere delle Pelagie

Il progetto Terramare propone un modello virtuoso di conservazione della natura e di gestione integrata e solidale delle aree protette costiere e terrestri delle isole Pelagie in Sicilia.

Attraverso la realizzazione di azioni congiunte di protezione ambientale, valorizzazione degli ambienti costieri e riorientamento della fruizione balneare, con il coinvolgimento e la partecipazione diretta della comunità locale e dei migranti, proponendo loro un ruolo attivo nella protezione e nella gestione degli ambienti naturali, il progetto individua nuove modalità di fruizione e vivibilità delle aree protette basate sul turismo naturalistico e sul rafforzamento dell’identità locale.

I due principali temi di carattere generale su cui incide il progetto sono:
- le migrazioni, il rispetto dei diritti umani e l’accoglienza nell’Arcipelago delle Pelagie, che costituisce un simbolo di accoglienza e la porta di ingresso all’Europa per migliaia di migranti. La straordinarietà del patrimonio naturalistico, terrestre e marino, delle Isole Pelagie deriva dalla loro ubicazione geografica al centro del Mediterraneo e dal loro conseguente ruolo di confluenza di faune, flore ed esseri umani provenienti da tre continenti (Europa, Africa, Asia);
- la conservazione della natura e la gestione integrata ed interconnessa delle aree protette costiere, mettendo in rete la riserva naturale “Isola di Lampedusa” che tutela le aree terrestri dell’isola, e l’area marina protetta “Isole Pelagie” che tutela gli ambiti marini delle due isole.

Il progetto è stato sviluppato nel Comune di Lampedusa e Linosa, in provincia di Agrigento, da Il Gabbiano Società Cooperativa Sociale con il sostegno di Fondazione per il Sud e la collaborazione di vari partner tra cui CTS.

CTS ha promosso il monitoraggio dell’impatto dei rifiuti marini lungo le coste dell’isola di Linosa, in particolare sulla fauna marina, utilizzando come indicatore biologico le tartarughe Caretta caretta (nidificanti e catturate accidentalmente dai pescatori).
Le attività sono state svolte con il coinvolgimento della cittadinanza, degli operatori turistici, di pescatori professionali e turisti. CTS ha avviato per ciascuno di questi target un programma di attività di sensibilizzazione e formazione sul funzionamento della App Glance On Surface utilizzata per la segnalazione dei rifiuti e specie protette in mare.
Inoltre, per assicurare la continuità del progetto negli anni a seguire, il CTS si é impegnato nella fondazione di un presidio di residenti per il monitoraggio ambientale dell’isola e nella costituzione di un’associazione locale per la tutela della natura, valorizzazione e promozione turistica di Linosa.

https://terramarepelagie.com